VENICE
OFFSHORE PORT

innovare per competere globalmente

Montesyndial: il terminal onshore ad alta automazione

foto interna_onshore

Il terminal onshore, collegato con il terminal in altura, verrà realizzato in un’area chiamata “MonteSyndial” di 92 ettari di cui 36 ettari saranno già pronti e disponibili per potenziali investitori a partire dal 2014.

CARATTERISTICHE
• 1400 metri di banchina
• 92 ettari superficie complessiva
• 12 metri di profondità
• capacità complessiva: 1.4 milioni di teu/anno

Il progetto prevede di impiegare la banchina sia per accogliere navi di grandi dimensioni compatibili con l’accesso a Porto Marghera, sia le Mama Vessel provenienti dal terminal d’altura; in tal modo saranno gestiti sia flussi Mediterranei che transoceanici.

Una scelta che aumenta la flessibilità e ne consente uno sviluppo in due fasi successive. Una fase A corrispondente ad un terminal di tipo tradizionale e una fase B corrispondente ad un terminal a servizio del terminal offshore per una capacità complessiva di almeno 1 milione di Teu/anno.

Immediatamente alle spalle della banchina si trova la zona di stoccaggio all’interno della quale vengono posizionati i container in attesa del successivo processo di carico sulle navi o su treni/camion e sarà suddivisa in spazi dedicati allo stoccaggio di container con merci pericolose, reefer (refrigerati), vuoti e fuori sagoma.

La zona più esterna rispetto alla banchina è la zona di movimentazione per i vagoni ferroviari e sarà anche servita da zone parcheggio per i camion, garage e officine di manutenzione.